Com’è cambiata la pausa pranzo in questi due anni? Partecipa al sondaggio!

Gli ultimi due anni hanno avuto un grosso impatto sulla nostra vita, lavorativa e non, e hanno cambiato profondamente le nostre abitudini. Tra queste, anche la pausa pranzo, che nell’era del cosiddetto “smart working” si è dovuta adattare alle nuove esigenze emerse a seguito dall’emergenza sanitaria. In molti casi, questo importante momento della giornata ha subito una vera e propria trasformazione, ad esempio richiedendo una gestione nuova della preparazione e consumazione dei pasti e l’armonizzazione degli orari. Ma non solo, perché spesso è venuto a mancare l’elemento di condivisione e convivialità della tavola.

Perché la pausa pranzo non è “solo” un momento che riguarda la corretta nutrizione, ma anche un importante spazio di socialità, aggregazione, scambio e inclusione.

A questo proposito, se ripensate a questi due anni, quali sono state le difficoltà che avete riscontrato nella gestione della pausa pranzo? Cosa vi è mancato rispetto al periodo pre-pandemia e cosa, invece, avete trovato più funzionale rispetto a prima? Infine, quali sono i bisogni emersi e, soprattutto, i desideri per il futuro?

Indagare come la pandemia ha ridefinito la pausa pranzo può aiutarci a capire come si costruirà la nostra “nuova normalità”. Per questo, abbiamo chiesto a Flaviano Zandonai, sociologo e Open Innovation Manager, di realizzare un breve sondaggio per il nostro magazine. Una serie di domande rivolte ai lavoratori e alle lavoratrici che analizzeremo nell’ambito di #NuovaPausaPranzo, l’approfondimento promosso insieme all’Osservatorio CIRFOOD DISTRICT, in collaborazione con Nomisma.

 

[contact-form-7]

L’articolo Com’è cambiata la pausa pranzo in questi due anni? Partecipa al sondaggio! sembra essere il primo su Giornale del cibo.

Comments are closed.